AcquiTeatro 2015/2016

Banner_AcquiTeatro

ABBONAMENTI
ABBONAMENTO per 7 spettacoli POSTO FISSO:
Primi posti € 168,00
Secondi posti € 144,00
* Ridotto Secondi Posti € 114,00
La prevendita degli abbonamenti inizierà il 9 ottobre 2015 presso la biglietteria del Teatro Ariston e sarà aperta durante l’orario di apertura del cinema.

BIGLIETTI
Primi posti € 28,00
Secondi posti € 24,00
* Ridotto Secondi Posti € 19,00
Galleria € 20,00
* Ridotto Galleria € 15,00
La prevendite dei biglietti per i singoli spettacoli inizierà il giorno 1 novembre 2015 presso la biglietteria del Teatro Ariston e sarà aperta durante l’orario di apertura del cinema.

* Per i giovani fino a 18 anni, studenti universitari fino a 25 anni e adulti oltre i 65 anni.


CARTELLONE 2015/2016


MERCOLEDI’ 11 NOVEMBRE ORE 21,00
spettacolo1
Uno spettacolo di e con Simone Cristicchi
Scritto con Jan Bernas
regia Antonio Calenda
Musiche e canzoni inedite Simone Cristicchi
Con la partecipazione straordinaria del Piccolo Coro Lollipop diretto da Antonella Serà
Musiche di scena e arrangiamenti Valter Sivilotti registrate dalla FVG Mitteleuropa Orchestra

Simone Cristicchi, cantautore e autore teatrale, è stato premiato in Acqui Storia 2014 perchè con lo spettacolo Magazzino 18 ha ricostruito, col coraggio della verità, la storia di amore e di dolore degli Italiani dell’Istria e della Dalmazia, quando col trattato di pace del 1947, l’Italia perdette vasti territori e quasi 300000 persone scelsero di lasciare le loro terre natali, destinate ad essere jugoslave, per proseguire la loro esistenza in Italia. Cristicchi, colpito da questa pagina scarsamente frequentata della nostra storia, decide di ripercorrerla in un testo che prende il titolo proprio da quel luogo nel Porto Vecchio di Trieste, il Magazzino 18, dove gli esuli, senza casa e spesso prossimi ad affrontare lunghi periodi in campo profughi o estenuanti viaggi verso terre lontane, lasciavano le loro proprietà, in attesa di poterne in futuro rientrare in possesso.


LUNEDI’ 14 DICEMBRE ORE 21,00
spettacolo2
di Paul Portner
allestimento originale americano di BRUCE JORDAN e MARYLIN ABRAMS
versione italiana MARCO RAMPOLDI, GIANLUCA RAMAZZOTTI
con MICHELA ANDREOZZI, ROBERTO CIUFOLI, MAX PISU, BARBARA TERRINONI
E LA PARTECIPAZIONE DI NINO FORMICOLA E NINI SALERNO
regia MARCO RAMPOLDI
scene Alessandro Chiti

Forbici & Follia è un salone da coiffeur di una città italiana, in un giorno come tanti in cui la tranquilla vita di pettegolezzi e allegria, viene interrotta dalla notizia di un omicidio.
Tutti i presenti hanno un movente che giustificherebbe il delitto ed hanno avuto la possibilità di compierlo. Il giallo si sviluppa grazie alla collaborazione degli spettatori/testimoni oculari, che possono risolvere il mistero, tra una gag comica e un nuovo indizio.
Uno spettacolo originale, un’esplosione dinamica, assolutamente diversa di sera in sera.


LUNEDI’ 18 GENNAIO ORE 21,00
spettacolo3

di Mino Bellei
con PAOLA GASSMAN, LYDIA BIONDI, MIRELLA MAZZERANGHI
regia CLAUDIO BELLANTI
scene Genella Ferreri

Gli scienziati dicono che l’essere umano usa il 10% del proprio cervello e che occorreranno secoli prima che impari ad usare il restante 90%.
Angelina non sa usare nemmeno quel 10%. Lei è tutta lì, nel suo niente.
Amalia, invece è sicuramente una donna intelligente, ex attrice e cantante di grande successo, ex “bella”. Oggi è soltanto una donna sull’orlo del tracollo finanziario e nervoso, e che usa almeno un buon 20% del proprio cervello…
Augusta, donna energica , di poche parole, ma ricca di fatti…. probabilmente è quella che lo usa meglio: …”sola e felice”, apparentemente, ma forse anche arrabbiata con la vita e con la propria percentuale d’ uso cerebrale.
Spettacolo irriverente, divertentissimo, agito da tre anziane amiche che alla soglia dei 70 anni, dopo la reciproca conoscenza, durata la gran parte della vita, scelgono il giorno di Natale per dirsi improvvisamente tutto quello che hanno taciuto nei decenni precedenti.
In fondo la verità è una sola…la vita non è un film di Doris Day.


LUNEDI’ 1 FEBBRAIO ORE 21,00
spettacolo4

liberamente tratto dal libro omonimo di Caterina Chinnici
Con CLARA COSTANZO ROBERTO IZZO
Regia di CLARA COSTANZO

Il 29 Luglio 1983 a Palermo in via Pipitone Federico una Fiat126 imbottita di tritolo esplode uccidendo il magistrato Rocco Chinnici con la scorta e il portiere dello stabile dove abitava.
Caterina, la figlia maggiore, racconta la sua storia: uno sguardo pieno di infinito amore filiale, di stima profondissima e di emozione immensa per un papà che fu uomo di giustizia, integerrimo ma di grande umanità e marito e padre sempre presente, affettuoso e amorevole.


LUNEDI’ 29 FEBBRAIO ORE 21,00
spettacolo5

Di Matthieu Delaporte – Alexandre de la Patellière
Adattamento di Carlo Buccirosso e Sabrina Ferilli
Con SABRINA FERILLI, MAURIZIO MICHELI, PINO QUARTULLO
Massimiliano Giovanetti, Claudiafederica Petrella, Liliana Oricchio Vallasciani
Regia MAURIZIO MICHELI
Scenografia Gilda Cerullo
Costumi Andreas Mercante

Una cena a casa, in famiglia, con la voglia e il piacere di stare insieme, di dirsi tante cose non dette e forse tenute dentro per anni: il migliore dei ristorante non potrebbe mai regalare la stessa atmosfera…
Le sorprese non mancano e uno scherzo innocente e goliardico può rivelare realtà inaspettate e allora anche la più gustosa delle pietanze, come il patè che da il nome al titolo, può cambiare sapore…
Una commedia brillante, a tratti grottesca e dai risvolti amari, che porta i protagonisti alla consapevolezza che, finita la cena, niente forse sarà più come prima.
Signore e signori: lo spettacolo è servito!


LUNEDI’ 14 MARZO ORE 21,00
spettacolo6

Di Gianni Clementi
Con ELISABETTA DE VITO, NICOLA PISTOIA, PAOLO TRIESTINO
Regia di NICOLA PISTOIA

Sergio, Nicola Pistoia, è un ex stuntman di Cinecittà che sbarca il lunario come centurione davanti al Colosseo e abita in periferia con la sorella Maria, Elisabetta De Vito, che è separata e lavora a casa.
Improvvisamente bussa alla loro porta Milan, Paolo Triestino, ingegnere bielorusso con tanta voglia di lavorare e tanta creatività, che cambierà radicalmente la loro vita quotidiana.
Una delle migliori commedie degli ultimi anni, un’ occasione straordinaria di grandissime risate e momenti di riflessione sulla natura umana.


MARTEDI’ 12 APRILE ORE 21,00
TAXI A 2 PAIZZE

Di RAY COONEY

Mario Rossi è un tassista sposato con Alice Rossi e residente in Piazza Irnerio 100.
Ma Mario Rossi è anche un tassista sposato con Barbara Rossi e residente in piazza Risorgimento.
Un curioso caso di omonimia con tanto di identica professione? No: i due Rossi sono la stessa persona. Il tassista è bigamo e ha sposato Alice in chiesa e Barbara in comune 6 mesi dopo. Seguendo una precisa pianificazione di orari e turni di lavoro, e grazie al lavoro di entrambe le mogli, Mario riesce per 2 anni a vivere nascondendo la verità a Barbara e Alice. Tutto si complica quando, per salvare un’anziana signora da uno scippo, Mario riceve una brutta botta in testa che lo costringe, privo di sensi, al ricovero in ospedale. Al risveglio il tassista, ancora confuso, darà a un infermiere l’indirizzo della prima moglie, e, a un altro impiegato dell’ospedale quello della seconda.
La denuncia arriverà quindi a due diversi commissariati di due diverse zone, che a loro volta si attiveranno mandando a indagare due diversi ispettori.
Anche la stampa farà la sua inviando a casa di Mario un fotografo che scatterà la foto che verrà pubblicata sulla copertina di Roma Sera.
Ciò che seguirà sarà una serie di equivoci, coincidenze e bugie che, col loro ritmo infernale, intricheranno a tal punto la trama da condurre a un finale inaspettato e sorprendente.

I commenti sono disattivati