Teatro

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è AcquiTeatro-2020-1.jpgA partire dal 14 gennaio 2020 prenderà il via la quinta edizione di “AcquiTeatro”. La stagione, come sempre con la direzione artistica di Clara Costanzo, sarà composta da 6 spettacoli, tutti compresi in abbonamento.

La nuova Stagione manterrà invariati i prezzi dei biglietti, con i ridotti riservati ai giovani fino a 18 anni, studenti universitari fino a 25 anni e adulti oltre i 65 anni (primi posti platea € 28,00, ridotto € 23,00 – secondi posti platea € 24,00, ridotto € 19,00 – galleria € 20,00, ridotto € 15,00), e degli abbonamenti: primi posti platea € 141,00, ridotto € 117,00 – secondi posti platea € 120,00, ridotto € 96,00 – galleria € 99,00, ridotto € 75,00

Fino a domenica 15 dicembre gli abbonati della scorsa stagione hanno la possibilità di confermare la stessa poltrona e, quindi, fino a tale data saranno in vendita per i nuovi abbonati solamente i posti non occupati dagli abbonamenti della scorsa stagione. Dal 16 dicembre saranno in vendita anche i biglietti dei singoli spettacoli sia presso la biglietteria del Cinema Teatro Ariston che online QUI.


CARTELLONE 2020

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Donchisci@tte.jpg

MARTEDÌ 14 GENNAIO 2020 ore 21:00

DONCHISCI@TTE

liberamente ispirato a Donchisciotte della Mancia di Miguel Cervantes
di Nunzio Caponio
Con  Stefano Fresi, Alessandro Benvenuti
Regia Davide Iodice

Un testo originale che prende ispirazione dall’opera di Cervantes, scagliando la simbologia di questo mito contro i vizi della nostra contemporaneità. Il nostro Don lotta contro un mondo sempre più virtuale per mantenere intatto il suo pensiero critico coltivando “l’IDEA”. Nella giostra di pensieri che galoppano progressivamente verso l’inevitabile delirio, le menti malefiche dei giganti delle multinazionali sono il nemico contro cui scagliarsi. L’Amore è ancora il vento che soffia e muove, anche se Dulcinea, intrappolata in una webcam, può svanire dolorosamente per un banale blackout. Due attori straordinari per una storia intrisa di poesia, leggerezza e sogno

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è UnAutunnoDiFuoco.jpg

MARTEDÌ 28 GENNAIO 2020 ore 21:00

UN AUTUNNO DI FUOCO

di Eric Coble
Con Milena Vukotich, Maximilian Nisi
Regia Marcello Cotugno

In un normale pomeriggio d’autunno, una donna si barrica nel suo appartamento e tra contenitori pieni di liquido infiammabile sprofonda su una poltrona e attende. Alexandra decide così di spezzare la catena e ribellarsi alle decisioni dei figli. D’improvviso, da una finestra si arrampica Chris, persuasivo, discreto che tenterà, in un’ora, di dissuadere la madre, liberandole la mente e rinfrancandole finalmente il cuore.

Spettacolo inserito nel progetto DonnAcqui degli assessorati: Politiche Sociali, Cultura e Pubblica Istruzione


Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è LaMatematica.jpg

MARTEDÌ 11 FEBBRAIO 2020 ore 21:00

LA MATEMATICA DELL’AMORE

di Adriano Bennicelli
Con Edy Angelillo, Michele La Ginestra
Regia Enrico Maria La Manna

E’ la storia di un uomo che, alle soglie della pensione, fa il consuntivo della sua vita. Lo accompagna una donna, al suo fianco da quando erano bambini. Ricordi, emozioni e giochi di tanti anni di vita insieme, tra alti e bassi, tra prendersi e lasciarsi, raccontati con la voglia di sorridere sempre anche delle difficoltà. Lei e il suo giocare col mondo sono l’eccezione. Lui e il suo rifiuto della matematica sono la regola. Una storia d’amore, di matematica e di sentimenti, per uno spettacolo che è un cult del panorama teatrale italiano

 


Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Bugia.jpg

MERCOLEDÌ 26 FEBBRAIO 2020 ore 21:00

SE DEVI DIRE UNA BUGIA DILLA GROSSA

di Ray Cooney
con Antonio Catania, Gianluca Ramazzotti, Paola Quattrini, Nini Salerno
Paola Barale, Marco Cavallaro, Alessandro D’Ambrosi, Sara Adami, Lorenza Giacometti, Aurora Cancian
Regia Originale di Pietro Garinei, nuova messa in scena Luigi Russo

E’ proprio difficile tradire la moglie quando si è un personaggio in vista, quando il tradimento si dovrebbe consumare in un albergo frequentatissimo e coincidenze ed intreccisi frappongono all’impresa. Questa in sintesi la trama densa di equivoci, gags e colpi di scena, della spumeggiante commedia, che in 30 anni è stata rappresentata in tutto il mondo. A cento anni dalla nascita di Garinei, l’allestimento è quello originale firmato da Garinei e Giovannini. Così in una girandola di battibecchi,rossori, spaventi all’insegna del più sano divertimento, si ride a crepapelle pur rispecchiandosi nei vizi e nelle incongruenze della società.

 


Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è HollywoodBurger-1.jpg

MARTEDÌ 3 MARZO 2020 ore 21:00

HOLLYWOOD BURGER

di Roberto Cavosi
Con  Enzo Iachetti, Pino Quartullo
Fausto Caroli
Regia Pino Quartullo

In periodo di feste natalizie nella mensa dei mitici Studios di Hollywood si incontrano due attori mitomani, assolutamente alla deriva ma tenacemente aggrappati al sogno del grande cinema. I due disgraziati raccontano la loro carriera ricca di insuccessi tra scene memorabili, di cui però tutti ignorano l’esistenza perché tagliate al montaggio, e ruoli entrati nell’Olimpo di Hollywood ma non riconducibili a nessuno dei due. In un crescendo di battute esilaranti, situazioni imbarazzanti ed episodi tragicomici, si delineano due improbabili e simpatici personaggi che riveleranno retroscena assurdi della loro grama esistenza.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Regalo.jpg

LUNEDÌ 16 MARZO 2020 ore 21:00

REGALO DI NATALE

dal film di Pupi Avati adattamento teatrale di Sergio Pierattini
Con Gigio Alberti, Filippo Dini, Giovanni Esposito, Valerio Santoro, Gennaro Di Biase
Regia Marcello Cotugno

In una villa di campagna, la notte di Natale, quattro amici che non si vedono da dieci anni si ritrovano per una partita a poker: sul piatto, oltre ai soldi, c’è il bilancio della vita di ognuno: i fallimenti, i tradimenti, le menzogne e gli inganni. Uno dei più bei film di Pupi Avati rivive sulla scena appassionando con la sua stringente contemporaneità e la sua universalità fuori dal tempo, arricchito da un’ironia leggera e lucida che fa sorridere, talvolta ridere e spesso riflettere.

I commenti sono disattivati